Semplicemente e Faticosamente … Vivo Di Fronte Alla Villa S. Giuseppe

Prima della pulizia-2

Volontari cancellano le scritte sul muro del Collegio attiguo alla Villa (2013)

 

L’OPINIONE di

Maurizio Castellano

Prendo spunto dall’articolo intitolato Semplicemente voi stessi …”  per raccontare un fatto spiacevole che mi è accaduto proprio nel giorno di Natale.

Da qualche tempo, ormai, la villa del Paese, quando cala la sera, piomba nell’oscurità. I pochi lampioni che vi sono, non funzionano o, comunque, la illuminerebbero insufficientemente a causa degli alberi non potati i quali, a sera, creano una coltre buia impenetrabile. Neanche le luci a faro messe in alto dal Comune riescono ad illuminare oltre le fronde degli alberi.
La villa, pertanto, è immersa in un buio assoluto!
Da tempo, sicuramente incoraggiati dalla suddetta oscurità, staziona nella villa una banda di teppistelli che, qualcuno continua a chiamare benevolmente “picciuttieddi “. Questi, evidentemente sono convinti che la villa sia il loro territorio e che vi possano fare ciò che vogliono (di buono nulla, ovviamente), mentre io non la penso come loro. Gridano, schiamazzano, aizzano i loro cani, tentano di rompere ciò che rimane della villa, etc, etc.
Qualcuno, allora, penserà: che c’entra questo con l’articolo di cui sopra ? Semmai è un problema di sicurezza? Ci sono gli organi preposti per questo. Episodi di delinquenza accadono in tutti i posti, nelle piccole e grandi città, Palermo, Roma…
Già la sicurezza!!
Ma, oltre ai doveri, oggi i bravi cittadini hanno ancora qualche diritto?
Vivere serenamente nel proprio territorio non deve essere per essi una conquista giornaliera, una lotta senza speranza.
Un suggerimento ai miei cari compaesani, però, lo voglio dare:
per vivere serenamente, carissimi, bisogna anche, fare qualcosa, non limitandosi solo a guardare quello che accade come se non ci interessasse; non è così (e per tanti motivi che non mi dilungherò ora a descrivere) ma, bisogna assumere come proprio dovere morale il problema ed affrontarlo. Di gente che guarda e se ne va, ne è pieno il mondo, e anche qui
non si scherza. Prendere di petto il problema vuol dire anche difendere il territorio in cui si vive e che così si va degradando inesorabilmente; significa riuscire a vivere serenamente dando un’immagine del Paese a chi vi soggiorna magari temporaneamente, più gradevole e accattivante, al punto da volerci ritornare.
E allora, semplicemente e faticosamente…

maurizio castellano
anna maria di stefano

Commenta su Facebook
2 comments on “Semplicemente e Faticosamente … Vivo Di Fronte Alla Villa S. Giuseppe
  1. Purtroppo, secondo il mio modesto parere, la colpa è della ineducazione di questi ragazzi … si proprio così "ineducazione" nel senso che non sono stati educati; questi ragazzi sono senza freni perchè nessuno ha loro insegnato cosa significa il rispetto per gli altri e le cose comuni.
    Bisognerebbe educare i genitori a educare …

    Anche se non risolverebbe il problema, mi piacerebbe che la villa fosse chiusa nuovamente (come era all'origine nei primi anni del 1900 – prima della gurerra) con i due cancelli lato mare e lato monte, per riportarla al suo originario splendore e che, contemporaneamente, vi fosse una vigilanza e una regolamentazione nell'aprire e chiudere i cancelli per l'accesso alla stessa.

    Forse è un sogno …

  2. Cari amici, la villa è l’emblema dell’abbandono in cui versa tutto il nostro territorio affidato a una amministrazione latitante e occupata solo ad “occuparsi” degli affari suoi con qualche intermezzo in cui interviene per distruggere quanto di buono e di bello è stato realizzato nel tempo. La villa e la Piazza Duomo ne sono la dimostrazione. Per quanto riguarda la villa basta guardare la vasca sempre più sporca, l’arredo sempre più deteriorato, le piante trascurate e i lampioni che impietosiscono lo sguardo di chi immagina debbano illuminare questo scempio. Il degrado produce degrado e immagino che i ragazzi di cui si parla ne abbiano preso atto. Perchè dovrebbero rispettare quello che chi amministra non rispetta?In un paese civile ognuno ha il suo ruolo e deve assumersi le proprie responsabilità, ma se gli amministratori volgono lo sguardo altrove e i cittadini non alzano la voce per richiamare la loro attenzione, chi dovrebbe prendersi cura dei beni comuni? Amministrazione comunale, se ci sei batti un colpo……………..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.