IN STAND-BY

 

Siete in molti, e da ogni parte del mondo, a chiederci, con le vostre mail inviate alla redazione, come mai il giornale non produca più notizie da diversi giorni. Domanda più che legittima alla quale tenteremo di fornire una risposta il più possibile chiara, anche se saranno pochi  – immaginiamo –  coloro i quali la condivideranno.

operai copertina

Sono di natura diverse le ragioni: tecniche e organizzative e, se ce lo permettete, anche umane. Su quest’ultima sottolineatura capirete da voi, anche se non tutti condividerete. Ma le “scelte“, piccole o grandi che siano, vanno pur fatte. E la redazione, giusta o sbagliata che sia, dopo averla ben ponderata, l’ha fatta: è il “non scegliere”, lo stare sempre a metà del guado, quel giocare con tre mazzi di carte, che, soprattutto nella nostra epoca, sta forse producendo i guasti peggiori.

Da tempo, in realtà, avevamo maturato al nostro interno la necessità di concederci un periodo più o meno lungo di “attesa” per ripensare meglio (ridefinire-ricalibrare) l’mpostazione culturale e grafica del prodotto. Ci siamo allora detti: quale migliore occasione di sospendere l’attività in coincidenza con la campagna elettorale da diversi giorni “partita” anche nel nostro Comune?

Ma l’informazione, direte voi, è vitale in queste circostanze; come può un giornale locale come Terrasini Oggi, astenersi dal fornire gli elementi e i dettagli necessari su una competizione amministrativa che si profila quanto mai … “Quanto mai” cosa? come?

Tacere è meglio, dunque, quando il “materiale” che si profila e si agita nella piazza non entusiama (almeno noi); non ci arrichisce, ma ci avvilisce e impoverisce.
Ma se decidi di tacere  – anche se per qualche mese –  devi farlo su tutto il fronte delle notizie. Chi vorrà informarsi sulla “campagna”  – poiché non siamo né a Milano né a Roma -, potrà partecipare o seguire i comizi e le assemblee pubbliche di questo o di quel candidato. E infine scegliere, se si avrà la forza di scegliere.

Riprenderemo a giugno prossimo, cari Lettori, quando tutto si sarà concluso.
Arrivederci.

La Redazione

 

 

 

Commenta su Facebook
,
4 comments on “IN STAND-BY
  1. Non sono d’accordo.Il dovere del “giornalista”è quello di informare.Astenersi talvolta dal giudizio e riportare le notizie.Aspettiamo con ansia notizie,non solo riguardanti politica ed elezioni comunali,come avete saputo fare finora.W “Terrasini Oggi”!!

  2. Non so se riuscirò a resistere tutto questo tempo, senza i sagaci articoli di Franco che ti penetrano sempre nell'anima dei fatti o le belle riflessioni di Giulia. così garbate e argute allo stesso tempo. E di Giuseppe, amico e sentinella di questa terra, che ci conforta con i suoi servizi di quello che sta accadendo in questa terra così martoriata. Fate sentire la vostra voce, non temiate di essere di parte perchè le persone per bene hanno la coscienza a posto e non devono avere di questi dubbi. Non so se riuscirò…

  3. Mi dispiace ma non condivido la vostra scelta perché secondo me dietro a tutto o meglio dietro a questa scelta c’è qualcosa che non mi convince spero di sbagliarmi ma a prescindere mi dispiace tantissimo e sono in pieno disaccordo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.